07/04/20-La censura teatrale e cinematografica nel periodo fascista

DiCoordinamento Dipsumdolls

07/04/20-La censura teatrale e cinematografica nel periodo fascista

10:30-12:30, Piattaforma Microsoft Teams
https://teams.microsoft.com/l/channel/19%3a1dab551b92f84848a445d11fb51487a6%40thread.tacv2/Seminari%2520online?groupId=09f75d7a-c8ec-418c-807b-444b184d8e39&tenantId=c30767db-3dda-4dd4-8a4d-097d22cb99d3

Interventi
Pasquale Iaccio

La lezione ricostruisce i modi e le forme della censura teatrale e cinematografica nel passaggio dall’età giolittiana al fascismo. Si vedrà come, da semplice strumento di repressione, riesce a diventare un raffinato strumento di indirizzo e di propaganda in favore del regime e ad ottenere, in molti casi, perfino la “collaborazione” delle sue vittime. La censura più riuscita è quella che induce ogni autore, ogni intellettuale, ogni scrittore e ogni regista a diventare il censore di sé stesso.

Info sull'autore

Coordinamento Dipsumdolls editor

Per pubblicare un commento, devi accedere

Font Resize
Contrast