Roberta Cicchirillo

DiCoordinamento Dipsumdolls

Roberta Cicchirillo

Nel 2019 ha conseguito la laurea magistrale in “Italianistica, culture letterarie europee e scienze linguistiche” presso l’Università di Bologna con votazione di 110 e lode. Ha presentato una tesi in Semantica e Lessico dal titolo “Lost in list: un’analisi corpus based delle liste nell’italiano parlato”. Nel 2019 ha frequentato il master di primo livello dell’Università di Firenze in “comunicazione multimedialepubblicità istituzionale e organizzazione di eventi”.
Attualmente è dottoranda di ricerca in Studi Linguistici presso il Dottorato in studi letterari, linguistici e storici dell’Università degli studi di Salerno.

Tutor
Miriam Voghera, Università degli Studi di Salerno
Co-tutor 
Iolanda Alfano, Università degli Studi di Salerno

Titolo e progetto di ricerca
La prosodia delle liste. Per una interpretazione funzionale delle costruzioni a lista attraverso la prosodia.  

L’obiettivo del progetto di ricerca è di analizzare il rapporto che sussiste fra prosodia e costruzioni a lista. L’interesse verso questo tema nasce innanzitutto dal lavoro di tesi magistrale (Cicchirillo, 2018), in cui ho potuto constatare, senza poter condurre un’effettiva indagine sull’argomento, l’importanza degli aspetti prosodici nell’individuazione e nell’interpretazione delle costruzioni a lista. Il progetto di ricerca si baserà sulla definizione di lista proveniente dalla letteratura recente (Bonvino et al., 2009; Masini et al., 2018), tali costruzioni sono delle concatenazioni sintagmatiche di almeno due elementi dello stesso tipo, con le stesse proprietà categoriali, e che occupano una stessa posizione sintattica (1). (1)Non so se prendere {gli spaghetti| le penne|^ o i fusilli}. L’importanza della prosodia è inoltre evidenziata dal fatto che le liste siano pervasive nel parlato, esse infatti sono state inizialmente studiate nell’ambito della Conversation Analysis (Jefferson, 1990) e negli studi sull’analisi sintattica del parlato di Blanche-Benveniste et al. (1979). Durante il mio lavoro di tesi magistrale, ho notato, in modo qualitativo, che alcune configurazioni intonative possono essere considerate dei marcatori che indirizzano l’interpretazione funzionale di un determinato tipo di lista, come ad esempio categorizzante, approssimante, intensificante e generalizzante. In letteratura, non sono presenti numerosi studi che mettono in relazione il fenomeno delle liste con la prosodia e in questo progetto saranno soprattutto considerati i lavori di Selting (2007) e di Panunzi / Saccone (2018), si segnala inoltre uno studio che verrà pubblicato a breve, sulla relazione fra liste prosodia e gestualità, di Inbar (forthcoming). Il seguente progetto, inoltre, è volto a determinare se gli aspetti prosodici possano essere considerati un utile strumento per guidare l’interpretazione delle cosiddette liste bare (2), ovvero delle costruzioni prive di elementi strutturali come sindesi, list completer (3) o introducer . (2) ammirate perche’ e’ {un servizio fantasmagorico| e’ un servizio eccezionale| un servizio favoloso}. LIP [ND8].
In base a queste osservazioni, si vuole pertanto indagare la relazione fra le costruzioni a lista e gli aspetti prosodici, concependo quest’ultimi i fondamentali marcatori di lista. L’analisi sarà corpus-based e per valutare gli aspetti prosodici verrà utilizzato il software Praat (Boersma / Weenink, 2005).

Info sull'autore

Coordinamento Dipsumdolls editor

Per pubblicare un commento, devi accedere

Font Resize
Contrast